Introduzione alla Moon Series

Introduzione alla Moon Series

Dopo un quadrimestre di Sun Series che ha visto come archetipi principali i vari Xernogre, Xernala e Lunogre, con menzioni speciali a Zygardeleo e Xerndon, è ora di passare alla Moon Series.

La differenza principale tra questi 2 formati, ricordiamo, è che nella Moon Series sono utilizzabili i cristalli Z, e con essi tornano quindi in auge le mosse Z. Da quello che si è potuto vedere in questo inizio di metagame sulla ladder di Showdown, il meta non è cambiato molto da quello che era nelle ultime settimane di Sun Series in quanto a team composition;  la principale differenza sta nell’assegnazione di un cristallo Z ad un Pokémon.

La prima occasione di vedere in un torneo cosa ci si può effettivamente aspettare da questo nuovo metagame è stata la Rise of the Moon Challenge del 29/12/2018 organizzata da @zeldavgc, di cui vi riportiamo i team che hanno costituito la top 8:

NomeRise of the Moon Challenge
$
Jonathan Marston
520
Ashton Cox
65
Nico Davide Cognetta
32
Gavin Michaels
32
Kinugawa Yuma
0
Nuramayu
0
Flavio Del Pidio
0
Jamie Boyt
0
Come si può vedere non c’è stato uno stravolgimento nei team, ma certamente la presenza delle Z costringe a dover rivedere specifici match up. Ora passiamo all’ analisi dei team che si sono visti in questo torneo e che molto probabilmente si faranno sentire in questo inizio di meta:

: Il team più presente in top cut, soprattutto la versione di Ashton Cox e Jeremy Rodrigues, già molto presente in ladder. La mossa Z peculiare di Lunala (Menacing Moonraze Maelstrom) dà al Pokémon una versatilità molto ampia: il leggendario che rappresenta la luna guadagna ora una presenza offensiva che precedentemente non aveva senza dover ricorrere a Psych Up, e infatti quest’ultima mossa viene spesso sostituita in favore di Tailwind, utile nel caso in cui non si possa portare Crobat o un altro mezzo di speed control per aprire la strada a Xerneas, oppure in favore di Wide Guard, che garantisce al team maggiore stabilità difensiva; in aggiunta a ciò, l’avere il cristallo Z riduce la potenza dei Knock Off avversari, anche se la mossa buio che si vedrà di più in questo meta sarà probabilmente Snarl, utile nei matchup contro ogni tipo di team che possiede Lunala. Da ricordare che nei mirror match, il 90% delle volte vince chi vince la speed tie tra Lunala, dato che la Z peculiare del suddetto Pokèmon è in grado di mandare KO in un colpo il Lunala avversario con lo Shadow Shield attivo. Alcune varianti di questo team vedono Lunala tenere il Fightinium Z, per migliorare notevolmente il match up contro Incineroar, che continuerà ad essere onnipresente.

 : Team emerso a metà Sun Series, è costretto a perdere il seme a favore del cristallo Z su Lunala, e di conseguenza a dover usare un Lunala Timid 252 EVs in velocità per avere la possibilità di giocarsi la tie contro gli altri Lunala. Per il resto, il team rimane quasi totalmente invariato, anche se si potrebbero vedere variazioni con Choice Scarf Kyogre.

: Questo archetipo ha iniziato ad emergere verso dicembre nella Sun Series ed adesso è ancora più presente. Questo aumento in popolarità è dovuto principalmente al buon match up contro la maggior parte degli Xernala e contro Lunogre grazie a Stakataka e Yveltal Assault Vest. La Z in questo team di solito si vede su Tapu Koko o Groudon. Giocandoci contro, bisogna dare la priorità ad eliminare Stakataka o Yveltal, a seconda del team giocato. Complessivamente è un team molto solido, che però per funzionare ha bisogno di mantenere in vita tutti e quattro i membri per più a lungo possibile, al primo KO concesso il team inizia a crollare su se stesso. Gavin Michaels, lo ha usato per raggiungere la top 4 della Rise of The Moon Challenge.

:  Secondo team più usato in ladder su Pokemon Showdown, resta un archetipo molto buono, ma il fatto di sacrificare uno strumento per la Z lo rende leggermente meno forte. Di solito si vede il Flyinium Z su Tornadus per togliere di mezzo il prima possibile i counter principali, quali Amoonguss, Kartana o Tsareena; qualche versione che cerca di fare più affidamento sullo speed control utilizza il Waterium Z su Kyogre.

: Vincitore a sorpresa della Rise of The Moon Challenge, questo team non è molto diffuso per la grande debolezza a Lunala, che vince quasi da solo una volta fatto fuori Incineroar. La strategia principale è quella di settare il più velocemente possibile la Trick Room per poi dilagare con Kyogre a forza di Water Spout e Origin Pulse. Necrozma di solito tiene la Weakness Policy, quindi è importante non usare mosse superefficaci a meno che non garantiscano il KO.

: Archetipo che si è visto solo all’inizio della Sun Series per poi cadere in disgrazia, è tornato in auge grazie al supporto di Venusaur. Grazie alla Z su Groudon può avere un po’ di visibilità all’ inizio di questo meta, infatti Flavio del Pidio ha fatto top 8 alla Rise of The Moon Challenge con questa core, ma i presupposti per rimanere tra i team più usati non sono buoni: la debolezza a Xernogre rimane e Groudon, nel caso decidesse di avere la natura Careful per reggere Moonblast di Xerneas dopo Geomancy, andrebbe a perdere diversi KO con la Z.

Se desiderate provare questi e altri team per la moon series vi consiglio di passare da quest’articolo di Trainer Tower, in cui sono raccolti diversi export: VGC19 Moon Series – Sample Teams

Grazie per l’ attenzione VGC players, buon anno e buona Moon Series a tutti.

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento