Confusione: colpirsi da soli – distorsioni cognitive nelle battaglie competitive Pokémon

Confusione: colpirsi da soli – distorsioni cognitive nelle battaglie competitive Pokémon

 

Indice

  • Introduzione
  • Distorsione della Conferma
  • Distorsione dell’Assimilazione
  • Distorsione del Risultato
  • Realismo Naif
  • Validità a Cascata
  • Fallacia del Giocatore
  • Aspettative da Minimi Campioni
  • Conclusione

Introduzione

  • Premessa 1: Ho giocato contro il team xxxxxx in una partita classificata ieri e ho vinto facilmente.
  • Premessa 2: Ogni team che posso battere facilmente è mediocre.
  • Conclusione: Il team xxxxx è mediocre.

La logica formale è un insieme di regole che ci permette di trarre conclusioni valide partendo da una serie di premesse. Mette in dubbio la validità della conclusione basandosi su quanto questa sia conseguente alle premesse. Queste premesse sono idee o pensieri che consideriamo vere, e sono rilevanti per la conclusione finale. Se la conclusione non può essere dedotta logicamente dalle premesse il ragionamento è noto come fallacia deduttiva.

Oggi discuteremo di logica informale ,che, a differenza della logica formale, esamina la validità delle premesse da cui è tratta la conclusione. Esaminate il ragionamento sopra citato. Secondo al logica formale la conclusione è valida. Tuttavia, secondo la logica informale, la conclusione non è valida, perché la seconda premessa non è valida. Prenderemo in esame un caso molto simile a quello precedente nella sezione riguardante il Realismo Naif. Più specificamente, parleremo delle comuni e prevedibili fonti di errore nella logica informale causate da naturali scorciatoie mentali a cui siamo predisposti.

Per quelli che non mi conoscono, sono Jiwa; VGC player dal 2015 e studente di psicologia con un interesse particolare per la psicologia cognitiva. In questo articolo, tratterò sette differenti errori o distorsioni cognitive della logica informale, come più comunemente emergano nel contesto delle sfide Pokémon, e come evitare di esserne vittima.

Distorsione della Conferma

L’inclinazione a confermare e dare peso a una prova che è coerente con l’ipotesi in questione, piuttosto che ricercare prove di incoerenza che potrebbero rendere falsa l’ipotesi.

Nel contesta delle sfide Pokémon, questo concetto è prevalentemente applicabile alla creazione del team e alla fase di play-testing. Ha più probabilità di accadere quando vengono testati un Pokémon o una mossa specifici che il soggetto considera particolarmente interessanti.

citando il VGC 2015-2016, un esempio di Distorsione della Conferma questo può essere la decisione di usare Crunch rispetto a Sucker Punch su Mega-Kangaskhan. Un tester prevenuto può ricordarsi un incidente in cui era in grado di mettere KO un ignaro Aegislash nella forma Blade mentre tentava di usare Sostituto, noncurante delle numerose situazioni in cui Sucker Punch sarebbe stato molto più utile.

La Distorsione della Conferma può anche manifestarsi quando un soggetto ha un attaccamento affettivo a un dato Pokémon legato a precedenti successi o favoritismi, causandogli il desiderio di vedere il suddetto Pokémon sotto una buona luce.

La Distorsione della Conferma nei Pokémon può essere elusa tenendo conto delle statistiche mentre si prova. Qual è la mia percentuale di vittoria quando scelgo questo Pokémon? Quanto spesso un Pokémon o una mossa alternativi possono essere più utili? In ogni caso, quando ci si trova in questa situazione è importante rimanere diffidenti con le Aspettative da Minimi Campioni(segue).

Distorsione dell’Assimilazione

L’inclinazione a interpretare prove ambigue in modo che sostengano iniziali ipotesi o supposizioni.

Odiamo avere torto. In quanto umani, istintivamente proteggiamo le nostre opinioni e idee da informazioni che potrebbero potenzialmente essere interpretate come contraddittorie, e invece, spesso valutiamo informazioni da un’angolazione che ci permette di sostenere la nostra ipotesi iniziale. Questo non significa che (tutti) i soggetti sono incapaci di accettare che le proprie ipotesi iniziali fossero mal sostenute, ma c’è un’evidente tendenza a difendere le nostre convinzioni da informazioni che sentiamo come non necessarie contraddittorie interpretandole in una maniera che sostenga i nostri pensieri iniziali.

Questo è rilevante nelle sfide Pokémon i un modo simile a quello precedentemente discusso per la Distosione della Conferma, ma più che il soppesare prove basandosi sul loro sostegno a un’ipotesi distorta, è l’interpretazione delle prove in sé ad essere falsata. Per esempio, se un giocatore si trovasse ad avere una teoria per cui Gunk Shot fosse più utile di Poison Jab sul proprio Muk Alola, testerebbe questa teoria giocando con Gunk Shot sul proprio moveset al posto di Poison Jab.

Se il giocatore dovesse scontrarsi con un Tapu Lele, userebbe Gunk Shot e con successo OHKO il Tapu Lele. Un giocatore influenzato dalla Distorsione dell’Assimilazione attribuirebbe quest’abilità di trovare il OHKO all’uso di Gunk Shot invece di Poison Jab, nonostante il fatto che solo le varianti “bulky” di Tapu Lele sopravvivono a Poison Jab. Inoltre usando Gunk Shot, il giocatore ha rischiato il 20% di possibilità che il proprio attacco fallisse del tutto, quindi c’erano sia lati positivi che negativi in questa scelta.

E ancora, piuttosto che interpretare queste prove come ambigue, invece di usare la scelta ottimale modellata sulle distribuzioni EV diffuse di Tapu Lele, le accrediterebbe come prove a supporto della propria teoria iniziale.

L’abilità di evitare coerentemente di soccombere alla Distorsione dell’Assimilazione comporterebbe un’estremamente alta auto consapevolezza e l’abilità di mantenere una prospettiva molto analitica. Tuttavia, mettere semplicemente in dubbio le proprie conclusioni può spesso essere sufficiente per individuare situazioni in cui stiamo interpretando le informazioni in modo distorto.

Provate a rimanere il più oggettivi possibile, e non legatevi troppo a idee o teorie.

Distorsione del Risultato

La tendenza a valutare una decisione basandosi sul risultato finale, piuttosto che sulla qualità della decisione quando è stata presa.

Considerato il gran numero di eventi del circuito VGC (in alcune regioni), è facile diventare altamente concentrati sui risultati, permettendo che le opinioni riguardo l’affidabilità di qualsiasi Pokémon dato/ archetipo si formino solamente dai risultati raggiunti. Nonostante osservare le statistiche di utilizzo e l’analisi metagame siano ottimi modi di tener conto di difficoltà presenti quando viene creato il team, ci sono semplicemente troppe variabili nel giocare perché il risultato possa essere considerato un perfetto ritratto di affidabilità. Per esempio, nella community avrete sentito affermazioni di questo genere:

“Come puoi sostenere che l’archetipo/ il team xxxxxxx sia pessimo: questa persona ha vinto un regionale/MSS con questo?”

Questo approccio è intrinsecamente falsato, poiché ci sono una serie di spiegazioni alternative per il successo del team preso in considerazione. Per esempio:

  • Il giocatore è stato fortunato perché è riuscito a evitare di giocare contro qualsiasi soggetto fra i numerosi forti abbinati all’archetipo dato.
  • Il team in questione era un “meta-call” veramente specifico basato sulle informazioni o aspettative dei team che altri avrebbero presentato all’evento, piuttosto che basato sulla forza implicita.
  • Il giocatore che si è avvalso del team vincente era estremamente esperto del team o dell’archetipo dati e non li ha usati perché particolarmente forti, ma perché sono quelli con cui ha una grandissima esperienza di gioco.
  • La maggioranza dei RNG rolls sono venuti dalla sua parte durante l’evento, permettendogli di vincere giochi che non avrebbe vinto molto probabilmente.

La Distorsione del Risultato non è comunque solo relativa alle conclusioni degli eventi. Anche nei limiti di un singolo gioco valutiamo retrospettivamente le nostre decisioni in base ai loro risultati. Per descrivere questo immaginate uno scenario del genere: ogni giocatore ha un Pokémon rimanente; il giocatore 1 ha Muk Alola al 70% di salute,con Figy Berry già consumato, il giocatore 2 ha Tapu Lele in piena salute. Il giocatore 1 ha sia Poison Jab che Gunk Shot sui loro Muk e sa che s’indebolirà per due Moonblast. Basandosi sulle tendenze metagame presenti il giocatore 1 si aspetta che l’avversario Tapu Lele si presenti con una variante ingombrante; con in esecuzione 252 HP EV, probabilmente con alcuni EV anche impegnati in difesa. Perciò, decide che Gunk Shot è la sua miglior opzione, perché Poison Jab ho solo il 50% di possibilità di mettere KO un Tapu Lele 252 HP. Gunk Shot sbaglia e il giocatore uno perde il gioco. Istintivamente, il giocatore 1 spesso potrebbe pentirsi di aver scelto Gunk Shot, nonostante il fatto che Gunk Shot abbia colpito o meno non sia rilevante rispetto alla qualità della decisione originaria. Parallelamente, se Gunk Shot colpisce, la decisione originaria del giocatore 1 è immediatamente convalidata, e non ci penserebbe due volte se sia stata o meno la scelta corretta.

Evitare la Distorsione del Risultato comporta un approccio più analitico, considerare potenziali spiegazioni alternative per i risultati, e trarre conclusioni da campioni vasti il più possibile. Guardare i giochi interamente o leggere i resoconti completi dei team ha più probabilità di fornire una migliore immagine da un punto di vista analitico piuttosto che solamente vedere le posizioni finali.

Realismo Naif

La convinzione di percepire oggetti e accadimenti come sono, piuttosto di come appaiono rispetto a un proprio vantaggio, precedenti credenze, e aspettative.

L’esperienza individuale del giocare a Pokémon varia molto da persona a persona. Le esperienze di un soggetto formano le sue opinioni e il modo in cui percepisce il mondo. Nei limiti del contesto delle sfide Pokémon, le nostre opinioni su un dato Pokémon o archetipo di team hanno origine dalle nostre interazioni con questi. Un esempio dell’espressione di un’opinione formatasi in questo modo può somigliare a:

“Ho giocato contro l’archetipo xxxxxx su ladder un paio di volte e ho vinto facilmente, questo archetipo è pessimo.”

Come suggerito prima, un atteggiamento del genere è intrinsecamente sbagliato, in quanto le specifiche interazioni di un soggetto con il Pokémon/archetipo dato possono non essere veramente rappresentative della sua potenza. Considerate queste spiegazioni alternative:

  • Il team che stavo usando creava un abbinamento particolarmente ostico per quel Pokémon/archetipo.
  • Il mio avversario non ha giocato al meglio e potrebbe aver vinto se lo avesse fatto.
  • L’organizzazione di quel Pokémon/archetipo del mio avversario era sub ottimale, e con qualche tweak, avrebbe potuto essere buona.

Ciascuna di queste spiegazioni è totalmente plausibile, ma esse comportano più sforzi per esser prese in considerazione rispetto all’atteggiamento iniziale, quindi generalmente non sono tenute molto in considerazione.

Ci sono alcune semplici ed efficaci vie per evitare il Realismo Naif. Scambiare opinioni ed esperienze con un buon numero di altre persone è un ottimo modo per assicurarsi che le proprie impressioni siano implementate da un più vasto insieme di testimonianze. Considerare la possibilità di spiegazioni alternative è anche un potenziale metodo, anche se può essere difficoltoso, essendo la lista qui sopra non necessariamente globale. Nel caso della valutazione di un particolare Pokémon, combinare la propria esperienza con analisi dell’uso del dato Pokémon in recenti tornei di alto livello o uso in risultati di partite classificate è un buon metodo per fornire una più ampia prospettiva da cui trarre un’opinione più accurata.

Validità a Cascata

Un processo auto-rinforzante di formazione di una credenza collettiva per il quale una percezione espressa innesca una reazione a catena che da alla percezione stessa un aumento di plausibilità attraverso la sua crescente validità nelle discussioni pubbliche.  

Per la maggior parte la community VGC è fondata sullo scambio reciproco di opinioni e informazioni tra amici, top players, piccole comunità ecc … Non è insolito che opinioni vengano espresse e ripetute al punto da diventare quasi di natura dogmatiche; semplicemente conoscenze comuni, che non vale la pena mettere in dubbio o indagare perché sono vere e basta, e quelli che sono in disaccordo sono male informati o fuori dal giro. Questo si lega al concetto di polarizzazione di gruppo un concetto secondo cui opinioni simili, quando vengono discusse in gruppi di persone con analoghe credenze, si risolvono in opinioni e decisioni più estreme di quelle veramente rappresentative del pensiero di ogni membro individuale del gruppo.

Un atteggiamento scettico è un gran strumento per contrastare la Validità a Cascata – il costante mettere in questione le opinioni, senza tener conto di quanto siano ovvie o comuni. Questo, comunque, è potenzialmente molto difficile e stancante. Un’alternativa più semplice è quella di evitare “incestuosi” team building e testing; assicuratevi che la cerchia di persone con cui interagite mentre create team o fate testing non sia troppo ristretto o ripetitivo. Questo però non vuol dire che eseguire queste azioni in gruppi piccoli sia necessariamente sbagliato – avere una stretta comprensione delle opinioni altrui può rivelarsi estremamente utile, ma è importante essere a conoscenza del potenziale prodursi di una Validità a Cascata agendo in quel modo.

Fallacia del Giocatore

La tendenza a credere che se un particolare risultato non è stato conseguito per un periodo di tempo sia “dovuto” – es. il verificarsi/non-verificarsi di eventi passati influenza la probabilità di eventi futuri.

Dato il discutibile elemento di fortuna implicato nelle sfide Pokémon, l’abilità di stimare le probabilità con fiducia e razionalmente è un’abilità estremamente utile quando si aspira a giocare brillantemente. Per esempio, capire il fatto che il 30% di possibilità per Scald di bruciare non porti necessariamente ogni 3 Scald su 10 a causare un’ustione è una nozione che qualsiasi player Pokémon dovrebbe intuire. Nonostante questo, anche quelli che hanno una concreta considerazione delle probabilità possono trovarsi a soccombere alla Fallacia del Giocatore, particolarmente se si trovano a essere stressati o sotto pressione. La Fallacia del Giocatore ha molte più probabilità di emergere mentre si gioca, specificatamente nelle occasioni in cui il giocatore in questione ha la sensazione di essere sfortunato. Esempi di questo tipo si manifestano in pensieri simili al seguente:

“Le ultime 5 volte che ho usato Scald non ha bruciato il bersaglio. Dovrei meritarmi un po’ più di fortuna ora.”

“L’ultima volta che ho affrontato Ninetales ha congelato entrambi i miei Pokémon con Blizzard al turno 1, quindi dovrei andare avanti con il mio Pokémon con Wide Guard questa volta anche se è decisamente inutile in questo abbinamento.”

La maggior parte dei giocatori che hanno questi pensieri sono perfettamente a conoscenza della natura irrazionale di tali affermazioni, ma è difficile rimuovere completamente questi dubbi quando si gioca. E anche importante tenere a mente che nonostante questi pensieri non siano particolarmente utili, sono solo direttamente dannosi in situazioni in cui influenzino le azioni di un giocatore, come nel secondo fra gli esempi sopra citati.

Essere consapevoli di questo fenomeno è forse la più facile e più effettiva via di impedirne l’influenza sul vostro giocare, perché la consapevolezza può aiutarvi ad accorgervi ed eliminare pensieri di questo tipo.

Aspettative da Minimi Campioni

La tendenza a sottostimare la potenziale variazione nei campioni ristretti.

Il play-testing è una parte importante delle sfide VGC, sia in Battle Spot che Pokémon Showdown. Permette ai giocatori di testare idee e fare pratica con diversi team prima degli eventi. Comunque, non tutti possono giocare tanti giochi quanti forse vorrebbero, ed estrapolare più di quanto sia giustificabile da campioni minimi è un problema comune. Questo è dovuto al fatto che Pokémon è un gioco con una grande variabilità in un numero di differenti aree, es. qualità degli avversari, frequenza di favorevoli RNG, percentuali di previsioni corrette in 50/50 delle situazioni, ecc … Perciò è poco probabile che campioni ristretti possano rispecchiare accuratamente vere percentuali di vittoria, e di conseguenza gran parte dell’analisi di campioni del genere è arbitraria e inutile.

Il play-testing non è l’unica fase delle sfide Pokémon in cui si creano aspettative da piccoli campioni. Quando viene analizzato un metagame, chi analizza deve fare attenzione a non essere troppo zelante nelle conclusioni che trae da campioni ristretti degli eventi. Per esempio, quella che segue è un’affermazione simile ad alcune sentite girare nella community dopo un dato evento:

“Ho visto i risultati degli ultimi regionali, sembra abbastanza evidente che Tapu Fini + Kartana + Arcanine sia il CHALK di questa stagione.”

Dato che ogni particolare regionale coinvolge un gruppo ristretto di giocatori (generalmente parlando), fra i quali è molto probabile che si faccia insieme teambuild e play-test, che gareggiano in quello che abbiamo stabilito essere un gioco altamente variabile con un metagame che cambia costantemente, è chiaro quanto servirsi delle statistiche di utilizzo di un singolo evento per trarre conclusioni assolute come quella menzionata sopra sia estremamente sconsigliabile.

Raggirare le aspettative è abbastanza facile; semplicemente essere consapevoli della limitatezza delle conclusioni che è possibile trarre da campioni minimi dovrebbe essere sufficiente a prevenire che molti compiano quest’errore.

Conclusione

Le distorsioni cognitive sono avvenimenti totalmente normali, nati da naturali scorciatoie mentali che ci permettono di valutare situazioni complesse più velocemente semplificandole. Questo processo di semplificazione è generalmente efficace, ma può causare errori prevedibili. Essere consci delle situazioni in cui questi errori emergono più spesso è sufficiente per evitare molti di essi, accanto alle altre potenziali soluzioni discusse nei relativi paragrafi di questo articolo.

Infine, vorrei elogiare alcuni articoli di Paulo Vitor Damo da Rosa e Werford per avermi fornito l’ispirazione per quest’articolo, e un capitolo di Risen & Gilovich per le definizioni delle distorsioni cognitive e degli inganni logici elencati precedentemente.

ARTICOLO TRADOTTO DA: www.trainertower.com

 

Boloriginale regaz since 1991 – Receptionist @ Residenza Carracci Bologna

Fondatore e amministratore di Bologna Pokémon League.
Stage 1 Tournament Organizer, VG e TCG Judge per The Pokémon Company
Amministratore di Altopianoblu.it e Pokémon Premier Network.

[Technology is awesome] cit.

 

Nessun commento

Facci sapere cosa ne pensi: